Navigation Menu+

Cassone al cavolo cappuccio

Cassone al cavolo cappuccio

Questa è una vera ricetta di tradizione romagnola

Da sempre, la piadina è considerata  ”Il 
Pane della Romagna” e per tradizione era presente sulle tavole delle famiglie contadine perché, non solo è deliziosa, ma è  facile ed economica nella realizzazione.
Oggi voglio presentarvi una ricetta che è molto simile all’originale, che non prevedeva l’uso dello strutto, oggi troppo spesso presente.

Ingredienti per la piadina

  • 
400 grammi di farina tipo 2 (o zero)
  • 
150 millilitri di acqua
  • 
70 millilitri di latte di soia al naturale
  • 4 cucchiai di olio extravergine di oliva
  • 2 cucchiaini di sale fine integrale
  • 
2 cucchiaini di cremortartaro

Ingredienti per la farcitura

  • 
Un piccolo cavolo cappuccio
  • 
2 spicchi di aglio
  • 2 cucchiai di olio evo
  • Sale e pepe nero

E ora, via con le mani in pasta

Disponete la farina setacciata insieme al sale e al lievito su una spianatoia.  A questo punto, unite all’interno di un dosatore, gli ingredienti liquidi e poi versateli poco per volta su quelli secchi, impastando.

Continuate ad impastare alcuni minuti, fino ad ottenere un composto liscio ed omogeneo. Ora formate una palla e mettete tutto a riposo, coperto da un tovagliolo, per circa un ora.

Intanto lavate e cuocete a vapore il cavolo. Tagliatelo e stufatelo 5/10 minuti con un fondo di olio e aglio schiacciato. Spolverate con sale e pepe nero.

Mentre il cavolo stufato intiepidisce, riprendete il vostro impasto:  ricavatene otto palline e stendetele con il matterello fino ad uno spessore di 2 millimetri, cercando di dare una forma tondeggiante.

Disponete su una metà la farcitura e poi adagiate sopra l’altra metà sigillando il bordo con una forchetta. 
A questo punto, mettete sul fuoco il “testo” per la cottura della piadina, a fuoco medio e solo quando sarà ben caldo, adagiatevi sopra il cassone.

Abbassate la fiamma al minimo e procedete la cottura fino a doratura, rigirando di tanto in tanto, il cassone sui due lati. 
Se non possedete un testo, potete utizzare tranquillamente una padella antiaderente.
Provate anche la piadina semplicemente cotta stesa e abbinata a una bella insalata di misticanza e radicchi di campo. Slurp!

I commenti da Facebook

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>