Polpettine di fagioli e Arame

Polpettine di fagioli e Arame

Ecco una nuova versione di “polpetta” facile facile….

Mi succede sempre più spesso, di ideare ricette per rispondere a specifiche esigenze dei miei corsisti… Le persone fanno richieste per corsi tematici e mi propongono di sviluppare ricette sui più disparati argomenti! Quando ho messo a punto questa polpetta, stavo lavorando a un corso sulle alghe. Gran bell’argomento Luca, grazie!

Vi lascio anche qualche info sull’alga Arame qui utilizzata.

ARAME : Cresce sulle rocce lungo le coste del Pacifico giapponese. Molto versatile per il suo sapore dolce e delicato. Come tutte le alghe marine è ricca di iodio (le cui carenze in occidente sono ben segnalate..), di fibre (utile quindi nelle diete per la capacità di indurre sazietà e favorire il transito intestinale), di calcio, di magnesio e ricca anche di antiossidanti e di ferro.

Per fare le polpette servirà:

  • 120 gr mollica fresca di pane
  • 100 gr fagioli borlotti lessati
  • 1C di alga Arame
  • 50 gr di cipollotto
  • 70 gr di carota
  • 70 gr di cavolo riccio
  • 1 piccolo spicchio d’aglio (o mezzo)
  • 1c di curry dolce (Madras)
  • Sale fine, pepe nero, olio extrav di oliva
  • Mettete l’alga in una ciotola con acqua fresca, affinchè possa idratarsi.Tritate le verdure. Scaldate un filo d’olio in padella, unite il curry e di seguito il cipollotto  e l’aglio tritato. Mentre la base aromatica cuoce dolcemente, scolate le alghe e tritatele. Unitele al soffritto, insieme a un cucchiaio d’acqua. Dopo 5 minuti unite il resto delle verdure e cuocete tutto a fiamma vivace.

    Sbriciolate la mollica nel cutter, unite i fagioli e le verdure stufate. Azionate a velocità media, fino a quando avrete ottenuto un impasto compatto. Trasferitelo in una terrina, procedete a formare le polpette con le mani leggermente umide e trasferitele su un piatto. Riponetele in frigorifero, fino al momento di cuocerle.

    Scaldate un filo d’olio in padella e cuocete le polpettine su ambo i lati, fino a doratura.

    Stavo pensando..già che ci siamo vi metto anche la ricetta delle zeppoline napoletane che stanno lì a fianco nella foto! Sono deliziose come insolito antipasto, anche se…e sono sicura che qualcuno arriccerà il naso: si devono FRIGGERE ..eheheh   Ma si dai , per le feste fatelo ‘sto strappo, non ve ne pentirete: sono deliziose!

 

ZEPPOLINE NAPOLETANE

Ingredienti:

  • 250 gr di farina
  • 200 gr di acqua tiepida
  • 10 gr di lievito fresco
  • 1c di agave
  • 1c di sale fino
  • 6 gr di alghe Wakame
  • 1 lt di olio di arachide o extrav di oliva per friggere
  • Per prima cosa: mettete le alghe in una ciotola con acqua fresca.

    Sciogliete il lievito nel quantitativo indicato di acqua tiepida. Aggiungete lo sciroppo di agave. Setacciate la farina in una terrina, unite il sale e di seguito il liquido. Mescolate con cura utilizzando una spatola. Otterrete un impasto molto morbido. Sigillate la terrina con pellicola trasparente e mettete in un angolo riparato. Lasciate lievitare fino al raddoppio del volume.

    Scolate le alghe, tamponatele leggermente con carta assorbente e tritatele grossolanamente. Unitele all’impasto dopo la prima lievitazione. Fate riposare ancora mezz’ora.

    Scaldate bene l’olio in una pentolina e procedete alla cottura. Utilizzate due cucchiaini per far scivolare nell’olio un piccolo quantitativo (pari a una nocciola), di impasto. Noterete subito che andrà sul fondo, si gonfierà, per poi riemergere e proseguire la cottura a galla. Friggete 4/5 zeppoline per volta.

    Scolate su carta assorbente e servite subito 😛

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

For security, use of Google's reCAPTCHA service is required which is subject to the Google Privacy Policy and Terms of Use.

If you agree to these terms, please click here.

ATTENZIONE!! In base alle nuove direttive in materia di Privacy, Google potrebbe richiedere l'accettazione esplicita delle Norme sulla Privacy e dei Termini d'Uso.
È neccessario quindi cliccare su "click here" nel testo che potrebbe apparire fra il campo Email e il pulsante "Pubbblica il commento" per potere procedere con l'invio.